martedì 15 ottobre 2013

Percarbonato di sodio: come funziona e per cosa può essere usato

Del percarbonato di sodio vi ho già accennato la differenza tra quello puro e quello che potete trovare nei supermercati e dove potete acquistarlo nell'articolo precedente (potete leggerlo cliccando qui).

Vi ho parlato del percarbonato come additivo per eliminare le macchie ma ciò è riduttivo perchè è un composto che ha molteplici qualità ed utilizzi: è infatti
Sbiancante, Igenizzante, Smacchiante, Ammorbidente 

Il Percarbonato di sodio che nell'INCI trovate come Sodium Carbonate Peroxide  è un composto totalmente verde infatti:  
Non inquina perchè si decompone in sostanze che già esistono in natura
è un prodotto all'ossigeno attivo: questo significa che a contatto con l'acqua si decompone sviluppando ossigeno: cioè si produce semplice acqua ossigenata e carbonato di sodio.
Ed è proprio l'ossigeno che deriva da questa reazione che spiega l'efficacia di questo additivo: la reazione inizia a 30° e aumenta man mano che sale la temperatura.

Si presenta come un composto granulare di colore bianco e inodore:


Avvertenze:
Si conserva in un semplice contenitore di plastica da tenere fuori dalla portata dei bambini e si consiglia l'utilizzo di guanti se volete utilizzarlo per pulizie o lavaggi a mano.

E' particolarmente indicato come sbiancante perchè non solo a differenza della rivale candeggina non inquina ma non contiene neppure candeggianti ottici o azzurranti.
Questo cosa significa?
Siamo abituati a pensare alla candeggina come lo sbiancante-smacchiante per eccellenza, ma se vi dicessi che invece la candeggina è solo uno sbiancante ottico?
Lo sbiancante ottico funziona così:  si fissa alle fibre e, grazie ai raggi UV, riflettono un colore bianchissimo.
Svelato l'arcano!
Questo significa che è il vostro occhio che percepisce come bianco un dato capo d'abbigliamento quando in realtà questo capo potrebbe ancora essere sporco: la macchia, potrebbe, non essere stata eliminata, ma solo mimetizzata!

Con il percarbonato andrete sul sicuro perchè non solo è effettivamente sbiancante, ma è anche igenizzante:
è antibatterico ed antimicotico: questo lo rende perfetto per lavare vestiti di bambini o altri capi delicati, ed avrete anche un altro effetto molto gradevole: igenizza i vostri elettrodomestici: avete mai avuto della muffa per esempio nella camera d'aria della lavatrice? bene, adesso non ne avrete più.

Oltre che sbaincante ed igenizzante come vi ho già detto è anche smacchiante: si utilizza per trattare le macchie ostinate in modo tale da non faticare più per il lavaggio di tessuti che prima creavano problemi: macchie di vino nelle tovaglie? macchie d'erba nei vestiti ei bimbi? Macchie di caffè? non ci saranno più macchie difficili da mandar via se utilizzato il percarbonato.

Svolge anche un funzione ammorbidente perchè la reazione che innesca riduce la durezza dell'acqua, anche se personalmente su questo non ho mai notato una grande efficacia a differenza, invece della soluzione di acido citrico di cui vi parlerò prossimamente.

Per cosa può essere utilizzato il percarbonato puro?

  1. Igienizzare lavatrice e lavastoviglie
  2. Igenizzare le stoviglie : può essere aggiunto in lavastoviglie o per il lavaggio a mano in aggiunta al normale detergente.
  3. Igenizzare capi delicati
  4. Sbiancare capi ingrigiti o ingialliti
  5. Può essere utilizzato come ingrediente per creare un semplice detergente per le pulizie casalinghe
  6. Pretrattante contro le macchie ostinate
Sulle modalità di utilizzo dedicherò un articolo dettagliato nei prossimi giorni dove spiego con cura come utilizzare al meglio il percarbonato.

E come sempre vi ricordo che vi consiglio di acquistarlo puro in questo shop:
 Perchè sono gentilissimi, veloci ed hanno prodotti ottimi.
Inoltre se dite di aver letto di loro in questo blog potete avere uno sconto del 5%.


Un bellissimo articolo che mi è servito molto a capire bene il funzionamento lo potete trovare qui: su MammaChimica

Nessun commento:

Posta un commento